Software immobiliare gestionale DataDomus Home | Indice contenuti

Importazione dati

Tramite questo strumento è possibile importare pacchetti esportati con la funzione Esporta dati al fine di:

  1. Caricare i dati forniti tramite un pacchetto di esportazione da un'agenzia locale o remota sia questa residente sullo stesso computer, remota e sia il computer un notebook o un computer fisso.
  2. Mantenere sincronizzati i dati tra più agenzie.
  3. Ripristinare dati di backup.

Sebbene sia semplice utilizzare questo strumento, è indispensabile conoscerne il funzionamento alla perfezione, onde evitare operazioni il cui risultato potrebbe essere diverso da quanto desiderato o addirittura dannoso.

 

   E` d'obbligo la lettura della sezione Informazioni generali sulla sincronia dati prima di utilizzare questa funzione. 

 

Avvio dell'importazione 

L'importazione di un pacchetto dati può avvenire in due modi distinti: Tramite menu, cliccando su Importa dati  dal menu Strumenti, oppure cliccando direttamente sul pacchetto ricevuto. In questo secondo caso è bene controllare anticipatamente di aver chiuso qualsiasi istanza di DataDomus per evitare che la richiesta di singola utenza si presenti ad infastidire l'operazione.

Nel caso il pacchetto sia stato suddiviso in più parti, raggruppare tutti i pacchetti e cliccare sull'unico che presenterà l'icona come in figura:

Nel caso i file siano ricevuti via email, salvare gli allegati in una cartella comune prima di cliccare sull'icona del pacchetto principale.

Per prima cosa tutti i pacchetti saranno riuniti in un solo file: spariranno pertanto i file secondari e resterà solo quello con l'icona raffigurata sopra, la cui dimensione diventerà la somma di tutti i singoli pacchetti.

L'importazione richiede per prima cosa, che non vi sia attività sul database. Per questa ragione, se si hanno più istanze di DataDomus aperte sullo stesso computer, oppure se qualche utente in rete locale fosse connesso al database, verrebbe mostrata una finestra con l'elenco degli utenti connessi ed un pulsante per chiedergli di uscire (L'utente può rispondere grazie ad una semplice chat per dialogare col richiedente).

Realizzata la singola utenza, viene richiesta la password di apertura del pacchetto, come qui sotto illustrato. Se la password non esiste, premere OK. (Si ricorda comunque che chi crea il pacchetto dovrebbe sempre includere una password, se non altro per tutelare le informazioni nel rispetto della legge sulla privacy).
Nel caso la password sia errata, l'importazione si conclude senza successo e necessita rilanciarla daccapo. Questo comportamento scoraggia l'uso di tecniche di brute force per forzare l'apertura da parte di malintenzionati.

Dopo l'inserimento della giusta password, viene mostrato il Manifest, ovvero le informazioni relative al pacchetto. Queste informazioni includono:

 

Figura soprastante: esempio di manifest

La spunta Non cancellare/reimportare/modificare dati originati dalla mia agenzia, permette di importare dati di un'altra agenzia con la sicurezza che questa non possa variare i dati originati (ovvero digitati manualmente) in locale. Con questa opzione, l'importazione di un pacchetto potrà determinare aggiornamento ai dati di altre agenzie precedentemente importate, o cancellazione dei dati precedentemente forniti ed originati dallo stesso fornitore del pacchetto, ma non potrà intervenire a modificare/cancellare o reinserire dati creati localmente.
Questa opzione è disattivata nel caso di pacchetti di tipo Clonazione, dato che il loro scopo è proprio quello di sovrascrivere completamente al fine di clonare un'agenzia.

 

Consigli

Al termine dell'importazione, se non vi sono altri computer da aggiornare, cestinare il pacchetto o se si preferisce conservarlo, riporlo in una cartella nominata chiaramente "Pacchetti già importati". Questo evita di trovarsi a reimportare un pacchetto vecchio, andando così a cancellare dati.

Nota: Il nome del pacchetto è formato da Data e ora. Ad esempio SyncDD_040714154616.ddx è un pacchetto creato il 14/7/04 (data al contrario) alle ore 15:46 e 16 secondi. Questo può essere utile a stabilire la data senza neanche la necessità di iniziare un'importazione per leggere il manifest.